lunedì 12 maggio 2008

Polaroid

Beh, alla fine Malerba è morto ma la borghesia è viva e sta più che bene. Leggevo l'altro giorno che ora è la borghesia la vera classe in sè e che il proletariato non esiste più come classe autocosciente. Forse è vero ma non è questo quello che più mi preoccupa. Forse dovrei guardare di più "Un posto al sole" per capire come funzionano i mezzi di comunicazione di massa nella società contemporanea ma, oggettivamente, non ce la faccio. Le piccole relazioni quotidiane di ogni giorno mi sembrano avvilenti: non ho voglia di costruire cose e di parlare con le persone se non per lo stretto necessario. Non ho neanche voglia di fare film e questo è molto significativo. Però, al contrario del passato, mi tocca farlo. Ora avrei voglia di scattare decine e decine di Polaroid per vederle costruirsi sotto i miei occhi e poi perchè avrei degli oggetti da toccare, che mi sembrano sempre più sicuri delle relazioni umane. Persino i soldi mi sembrano meno tangibili e mi ritrovo a chiedermi a fine settimana come ho fatto a spendere così tanto: forse non dovrei fare più colazione fuori? Credo che la spesa sia direttamente proporzionale al numero di persone che conosci: finchè sei isolato dal mondo puoi vivere con pochi spiccioli al giorno. Sto andando per i 26 e mi sembra sempre tutto un po' la stessa merda.

3 commenti:

  1. se è uno scherzo è triste,

    se è un pensiero reale è tristissimo.

    mc

    RispondiElimina
  2. riferendoti a proletariato e borghesia fai un certo parallelismo tra genuinità e finzione ?e ormai non esiste più proletariato e piccola o media borghesia. ma esiste chi ha un impresa privata , chi è dipendente stata e chi è artigiano. e tutti galleggiano in una vasca di palline di plastica. la gente vive di immaginazione perchè violentemente miriadi di immagini ci hanno strappato alla terra. immagini e suoni.indipendentemente dal ceto sociale. tu e io siamo bestie e abbiamo bisogno della nostra foresta. quindi nn rinunciare a cercare il profumo della naturalità tra noi bestie.voglio dire : ci può essere un contatto . ma non solo a due ma un contatto di massa. deve esserci. ha la nostra radice. sinceramente io mi sento alienata quanto te.. mi sento un po una ginestra per essere classica. e caparbiamente sn riuscita a percepire i colori di un contatto umano e credimi che in quel istante capisci perchè sei in vita.sebbene un flusso di zombi stia divorando ogni melodia ed ogni percezione come un buco nero di massa e ci si voglia ritirare per non essere prosciugati, tirarsi indietro sembra la conseguenza del tuo avvilimento ma ne è la causa. non so se mi crederai ma anche se avere un riscontro esterno ed un rimando di se è fondamentale, l ombelico del tuo mondo fry, sei tu. e con questa forza può riaccendere le luci e i suoni . è un mondo grigio. molto violento. e troppo veloce. ma oggi grandina con il sole qui a verona.. e una foto non può farti sentire il ghiaccietto sciogliertsi sul palmo della mano caldo per il sole.

    cym

    spero tu legga ^^

    RispondiElimina
  3. Tranquillo, quando sarai a 28 come me, la merda continuerà ad aumentare.


    Finisce solo in un modo: quando tireremo la somma, la triste somma (cit.)

    RispondiElimina